giovedì 29 ottobre 2015

Immigrato scippa pensionato, il figlio lo raggiunge e lo massacra di botte



Lamezia Terme. Questa notte, verso le 5, un immigrato, di cui non si conoscono le generalità, ha tentato il furto in casa di Luca Patessi, da qualche anno in pensione e adesso gestore di una edicola con il figlio Mirko.

Ed è stato proprio il figlio a salvare la vita al padre stanotte. Il ladro si è introdotto furtivamente nell’abitazione e, dopo aver rubato il poco denaro trovato e qualche gioiello al pianoterra, ha provato ad andare nel primo piano della villetta di Patessi. Il figlio del pensionato si sveglia sempre presto per organizzarsi con gli arrivi e con i resi dei giornali e, sentendo dei rumori, ha preso la mazza da baseball ed è andato a controllare cosa stesse succedendo.

Ha trovato il ladro che frugava nei cassetti della casa e, preso dall’ira, lo ha colpito più volte alla schiena, tramortendolo. Poi ha chiamato i carabinieri e ha raccontato l’episodio, e a una tv locale ha dichiarato: “E’ ora di iniziare a farsi giustizia da soli, non si può continuare così. Adesso purtroppo mi indagheranno e dovrò risarcire questo clandestino, che paese di mer…”


fonte