venerdì 13 marzo 2015

Terni: 27enne sgozzato con una bottiglia rotta da un marocchino ubriaco

David Raggi

Un giovane di origine marocchina di 29 anni e’ stato arrestato dalla polizia con l’accusa di omicidio per l’assasinio, avvenuto questa notte a Terni, del 27enne David Raggi, colpito con una bottiglia di vetro rotta al collo. L’uomo, poco dopo l’aggressione, era stato bloccato a torso nudo e in stato di agitazione poco distante da piazza dell’Olmo, dove sono avvenuti i fatti, all’uscita di un locale molto frequentato da giovani. Con se non aveva nessun documento.

Sembra che poco prima dell’aggressione lo straniero, ubriaco, fosse stato allontanato dal locale per il suo comportamento molesto. Quindi l’uomo, dopo aver afferrato la bottiglia, si sarebbe scagliato contro i passanti, colpendo al collo la vittima. Per David Raggi non c’e’ stato nulla da fare.

Nonostante l’intervento del 118 il giovane e’ morto sul posto a causa dell’emorraggia.
Assassino non doveva essere in Italia Il questore Belfiore venerdì mattina a Sky Tg24 ha spiegato che l’assassino è stato trovato a torso nudo e sporco di sangue. Accertamenti successivi hanno permesso di appurare che non aveva alcun titolo di permanenza su suolo italiano, perché gli era già stata respinta la richiesta di asilo.

AGGIORNAMENTO – Era stato espulso nel 2007 il marocchino arrestato dalla polizia per l’omicidio di David Raggi. Gli investigatori stanno ora ricostruendo come e quando sia tornato a Terni. Il maghrebino ha dato in escandescenze in un bar per una birra, è stato allontanato (dopo aver avuto una colluttazione con due agenti) ma è uscito dal locale con il collo di bottiglia rotta in mano, colpendo David Raggi che era all’esterno.
Nei giorni scorsi abbiamo pubblicato l’allarme della polizia Coisp: sempre più frequenti violenze scatenate da extracomunitari. Modificare l’accoglienza


fonte