giovedì 5 febbraio 2015

Straniero sorpreso senza biglietto, tre controllori feriti



Torino – Aggrediti controllori Gtt sulla linea 18 in via Genova da immigrato ‘alloggiato’ in palazzine occupate. Da Nord a Sud le aggressioni ai controllori sui mezzi pubblici non si fermano mai. Ne abbiamo documentate a decine e ci troviamo a scrivere nuovamente di un brutto episodio avvenuto poche ore fa sulla linea 18 all’altezza di via Genova.

Intorno alle ore 21 di lunedì sera, lunedì 2 febbraio, alcuni assistenti alla clientela di Gtt in borghese sono stati malmenati da un ventenne occupante le palazzine di via Giordano Bruno a cui stavano facendo una multa perché trovato sul mezzo pubblico sprovvisto di biglietto. Il giovane, uno straniero classe 1994, era con altri quattro amici: quando gli è stato chiesto il documento di viaggio e il controllore ha iniziato a scrivere il verbale ha dato di matto.

Sceso dal bus ha spinto uno degli assistenti alla clientela contro un bidone, facendolo cadere a terra. In difesa di questo sono intervenuti due colleghi, colpiti anch’essi prima di riuscire a fermarlo. Intanto sul posto è sopraggiunta la Polizia: il ventenne non ha dato le proprie generalità nemmeno agli agenti e anzi ha continuato ad agitarsi contro coloro che gli stavano vicino, fino a quando non è stato ammanettato. Solo a quel punto è stato perquisito e in tasca gli è stato trovato il permesso di soggiorno.

I tre controllori sono rimasti feriti e giudicati guaribili in cinque giorni. Sull’argomento sono tornati a battere i pugni i sindacalisti Rsu Ugl Damiano De Padova e Salvatore Russo: “Nonostante i tanti annunci e servizi chiaramente propagandistici, non è cambiato molto sul piano della sicurezza in Gtt: a poco più di un mese dall’inizio dell’anno sono già una decina gli infortunati. Non è certo un bel biglietto da visita per i tanti turisti in arrivo a Torino”. Le aggressioni fanno tornare in mente l’incontro avuto dai dipendenti con l’assessore ai Trasporti Claudio Lubatti, rimasto un granello di polvere nel deserto: “La possibilità del titolo di Polizia amministrativa per i nostri agenti continua a essere solo fumo negli occhi – tuonano i due sindacalisti -, come il supporto congiunto con la Polizia municipale lo scorso anno”.

torinotoday.it