giovedì 6 novembre 2014

LA GRANDE RAPINA: IL 60% DEI COMPRO ORO HA CHIUSO, GLI ITALIANI NON HANNO PIU’ ORO


In questi anni abbiamo visto nascere e moltiplicarsi i compro oro ( chiaro sintomo della crisi ). Ora la grande rapina si è conclusa, Infatti nell’ultimo anno ha chiuso il 60% dei locali Compro oro in parte per via del ribasso delle quotazioni dell’oro ma soprattutto a causa dell’esaurimento da parte delle famiglie dei beni da scambiare in denaro.

Il Presidente dell’Adoc, Lamberto Santini dichiara ” ormai non c’è più niente da dare via e anche le ultime risorse extra per far quadrare i conti sono terminate”

lo stesso Santini sostiene che sia urgentissimo intervenire a sostegno delle famiglie, prevedendo forti detrazioni e defiscalizzazioni, in modo da incentivare i consumi, il risparmio e gli investimenti visto che lee famiglie sono veramente allo stremo, senza futuro e con un presente pieno di difficoltà.

Problemi economici e di disagio che si potrebbero attutire se ci fosse una rete che impedisce di cadere o di non farsi male. Ma la rete non c’è più: sono diminuiti i servizi sociali e di assistenza per i tagli statali, dei Comuni, degli enti locali. Se nel 2008 i fondi nazionali per il contrasto della povertà erano 2 miliardi e mezzo di euro, nel 2013 gli stanziamenti sono arrivati a 766 milioni di euro. Sono aumentati col governo Letta risalendo a 964 milioni, ma complessivamente c’è un miliardo 536 milioni di euro in meno dall’inizio della crisi.

fonte