sabato 7 maggio 2016

Gemelli albanesi compiono 100 furti, giudice: non si possono incriminare


I “gemelli Lupin” sono stati assolti a Pordenone. I due fratelli albanesi erano stati arrestati nel 2014 per una serie di furti in diverse abitazioni nel nord Italia.
Cento ville e appartamenti svaligiati: arrestati gemelli albanesi

Ad incastrarli sarebbe dovuto essere il Dna rilevato su una vettura rubata, ma i due sono monozigoti e hanno lo stesso codice genetico, pertanto risulta impossibile attribuire la responsabilità specificamente all’uno o all’altro.

Il Dna era stato ritrovato nel 2014 su una Mercedes rubata con cui Edmond e Eduard Trushi avevano tentato la fuga dalle forze dell’ordine. Le analisi del Ris hanno trovato una corrispondenza con il codice genetico di Eduard, era già presente nella banca dati. Il problema è sorto quando si è scoperto che anche Edmond possiede le stesse informazioni genetiche, portando all’impossibilità di stabilire la colpevolezza di uno dei due, e quindi alla scarcerazione di entrambi.

Carcere di Verona: ​boss albanese fa festa in cella e posta foto su facebook
I “gemelli Lupin”, come erano stati ribattezzati, rubavano in tutto il nord Italia, dal Piemonte al Veneto e fino alla Toscana, svaligiando ville e appartamenti. I due, trentenni, si sono guadagnati il loro soprannome per via dell’attività, la stessa praticata dal famoso personaggio dei cartoni animati, e dell’incredibile somiglianza tra loro: i gemelli sono infatti riconoscibili solo grazie ai loro tatuaggi. tgcom24