domenica 1 maggio 2016

Bomba sulle pensioni: gli immigrati faranno fallire l’Inps


C’è una tegola che grava sui conti dell’Inps. Un rischio concreto che però i tecnici e i politici cercano di occultare sotto strati di buoni sentimenti. Quante volte abbiamo sentito ripetere che “gli immigrati salveranno le nostre pensioni”? Beh, le cose stanno in un modo un po’ diverso.


A spiegarlo Libero, in un’intevista di Francesco Borgonovo,  è Gian Carlo Blangiardo, docente all’Università di Milano Bicocca, tra i più autorevoli demografi in Italia. Non un pericoloso populista, dunque, ma uno studioso di rango, senza pregiudizi (lo dimostra il titolo di uno dei saggi dai lui curati sull immigrazione: L’ immigrato. Una risorsa a Milano). Blangiardo snocciola dati, e ci fa aprire gli occhi su un problema molto serio. Leggi lo studio >>>

“Arriveremo al punto in cui il sistema pensionistico sarà a rischio a causa delle variazioni dei potenziali pensionati. Gli ingressi nel sistema pensionistico tenderanno ad aumentare e crescerà il divario fra chi lascia la pensione (perché muore) e chi ne riceve una. Allora il sistema pensionistico dovrà cercare di far quadrare i conti. Ma c’ è un altro problema”.

“A partire dal 2030 avremo numerose persone non nate in Italia che raggiungeranno l’ età per andare in pensione (attorno ai 65 anni). Parliamo di circa 200 mila persone all’ anno che si aggiungono ai nostri figli del baby boom degli anni 60. Quindi non solo avremo a che fare con persone nate e invecchiate in Italia, ma anche con stranieri nati altrove e invecchiati qui“.
Quali saranno le conseguenze di questo “invecchiamento importato”?

«Ci saranno per l’ appunto circa 200 mila persone l’ anno che diverranno anziane e avranno diritto alla pensione. Il fatto è che si tratta di soggetti che hanno iniziato tardi a contribuire. Perché magari si sono regolarizzati in età avanzata, anche a quarant’ anni. Succederà quindi che queste persone avranno diritto alla pensione, ma i loro assegni saranno estremamente bassi, forse sotto i minimi di decenza. Se fra quindici anni ci troveremo tantissima gente in queste condizioni, qualcuno – anche legittimamente – dirà che queste persone non hanno abbastanza, e che si deve intervenire».
Nel senso che lo Stato dovrà in qualche modo aumentare quelle pensioni basse.
«È un problema latente, ma succederà. E dobbiamo tenerlo presente al momento di fare leggi e riforme».

fonte