mercoledì 27 gennaio 2016

Abusi fuori da centro profughi: si difende e viene incriminata

In Danimarca una ragazza 17enne è stata aggredita vicino a un campo profughi. Si è difesa con lo spay al peperoncino, ma ora dovrà pagare una multa


Claudio Cartaldo

Lei ha solo 17 anni, cammina vicino ad un campo profughi e viene aggredita da un uomo.

Lui si tira giù i pantaloni, tenta uno stupro gettandola a terra e cercando di spogliarla. Ma lei non ci sta. Tira fuori lo spry al peperoncino e si difende. Vince. Ma solo per poco: dopo qualche giorno, infatti, la polizia l'ha incriminata per l'uso dell'arma (se così si può chiamare). Perché vietata.
La storia, assurda ma reale, è del 22 gennaio scorso e viene dalla Danimarca, riportata dalDailyMail. La 17enne della città costiera di Sonderborg. Probabilmente, per essersi difesa, dovrà pagare 500 Krone di multa. Il portavoce della polizia locale ha detto alla Tv danese Shd: "E' illegale possedere e utilizzare spray al peperoncino. Per questo probabilmente dovrà pagare una multa. Inoltre, non è chiaro se l'aggressore è un rifugiato oppure no".
Il caso però ha scatenato furibonde polemiche in Danimarca. Soprattutto dopo le molte segnalazioni da parte di violenze da parte degli immigrati.