martedì 8 dicembre 2015

Niente lezione di flauto a scuola: l'islam lo vieta


Nel Reggiano molte famiglie musulmane vogliono esonerare i figli dallo studio della musica


Gianpaolo Iacobini

Reggio Emilia La musica? È proibita dal libro sacro. Dunque, non va insegnata a scuola.

Per Allah suonare il flauto è peccato. E dopo il presepe ed il cristianesimo, dagli istituti scolastici d'Italia rischiano di sparire anche le note e il pentagramma. A Guastalla, nel reggiano, nei giorni scorsi tre famiglie musulmane si sono presentate nelle scuole frequentate dai figli chiedendone l'esenzione dall'insegnamento delle discipline musicali.

«Il Corano vieta la musica», la giustificazione addotta. Argomenti usati già sul finire del 2014 in altri plessi, prima che la mediazione degli insegnanti mettesse in evidenza l'illegittimità della richiesta. Quando si pensava che la questione fosse finita in archivio, il problema si è riproposto. E adesso, temendo possa moltiplicarsi, come conferma la Gazzetta di Reggio è stato richiesto l'intervento dell'Ufficio scolastico provinciale, «per fornire direttive ai docenti». Più che un no, un vedremo, che suscita timori e ansie. E, specie sul web, le voci islamiche contrarie all'ora di musica. Ad esempio Civiltà Islamica. «Non facciamo parte dei Fratelli musulmani, né di alcuna fazione politico-partitica, siamo contro tutte le forme di terrorismo», si legge nella presentazione del sito. Poi, spulciando, salta fuori un modulo per la richiesta di esenzione, postato da Abu Ismail Morselli. «L'educazione musicale è diventata purtroppo obbligatoria nelle scuole elementari e medie», spiega Abu Ismail, all'anagrafe Carlo Morselli, fino a una settimana fa direttore del portale, riferimento degli italiani convertiti all'Islam. «Questo aggiunge Morselli - è l'ennesimo emblema della decadenza culturale dell'occidente, un altro esempio di come da parte del potere costituito non si perda occasione per cercare di corrompere i musulmani». Del resto, la Sharia è chiara. E la fatwa emessa dal muftì sunnita Muhammad Ibn Adam al-Kawthari non lascia dubbi: «È vietato l'uso degli strumenti musicali designati esclusivamente per l'intrattenimento e la danza e che creano ammaliamento, piacere e gioia». Nell'elenco figurano «tamburo, violino, chitarra, flauto, liuto, mandolino, pianoforte, gli archi». Vogliono fermare la musica. Come se fosse facile addomesticare gli uomini.

fonte