martedì 22 dicembre 2015

Fratelli e sorella la massacrano a morte: prima le fanno mangiare merda



Shahena Begum, 19 anni, è stata più volte pestata a sangue nella sua casa, costretta a mangiare le proprie feci e il vomito e vietato di andare al bagno dai suoi tre fratelli, dalla sorella e dalla cognata, tutti coinvolti nel “regime della paura” che si è concluso, solo quando il suo corpo senza vita è stato trovato nella stanza da bagno dai soccorritoti.

Shahena, che era uno degli otto figli di una famiglia del Bangladesh, era appena stata uccisa con una mazza da baseball.

La corte ha condannati oggi i suoi ‘familiari’ bangladesi a 56 anni totali di carcere. La sentenza più alta, qualla a 18 anni per l’esecutore materiale dell’omicidio.

La giustizia è ridicola anche in GB.


fonte