mercoledì 29 ottobre 2014

Il Movimento 5 Sel dice sì alle unioni civili tra persone dello stesso sesso



29 ottobre – Gli iscritti M5S dicono sì alle unioni civili. I suoi iscritti hanno votato sul blog di Beppe Grillo dove si chiedeva di indicare la propria posizioni in merito, mentre in commissione Giustizia al Senato si lavora al disegno di legge “Disciplina delle coppie di fatto e unioni civili”.

Al sondaggio hanno partecipato 25.268 iscritti certificati. 21.360 hanno votato per il sì, contro i 3.908 per il no.

Un plebiscito, secondo il capogruppo del M5S Alberto Airola, che dice: “Ora si apre la strada per un percorso legistlativo che porti al riconoscimento di diritti da tempo presenti in Europa e di cui l’Italia, paurosamente in ritardo, aveva bisogno”. L’augurio dei grillini è che “le divisioni interne alla maggioranza, e allo stesso Pd, non rallentino l’iter legistlativo del ddl”.

Ma non sono mancate le polemiche sulle modalità del sondaggio lanciato dal blog di Grillo. Il testo originario del quesito recitava: “Sei favorevole all’introduzione del nostro ordinamento giuridico delle unioni civili tra persone dello stesso sesso (diritti e doveri della coppia equiparati al matrimonio ma con esclusione della possibilità di adottare figli estranei alla coppia)?”.

Qualche ora più tardi, a votazione già iniziata, scompare la parte relativa alla possibilità di adozione, come ha rilevato su Facebook il deputato grillino Cristian Iannuzzi. “Curioso che la società esterna che certifica i voti abbia permesso di cambiare il quesito, a votazione in corso, eliminando la parte che parlava delle adozioni”.

Poco dopo la replica di Airola:
Il testo di legge in questione non prevede adozioni per le coppie omosessuali, prevede solo la tutela di figli già presenti da precedenti unioni se minorenni; la parentesi “scomparsa” nel testo del post sulla votazione è semplicemente perché è stato aggiunto il mio testo a chiarimento della domanda; le unioni si riferiscono sia a coppie etero che omosessuali; molti credono che si toglieranno dei diritti a qualcuno concedendoli alle coppie omosessuali, una strumentalizzazione ideologica inaccettabile

today.it