martedì 16 settembre 2014

Gerocarne provincia di Vibo Valentia: PD e Coop si dividono clandestini, alle spalle dei cittadini



AI CLANDESTINI ANDRANNO 80 € AL GIORNO

Sono 25 e sono tutti presunti minori, giovani virgulti africani che da qualche giorno sciamano in paese ospiti del Comune di Gerocarne, in provincia di Vibo Valentia, dove la disoccupazione giovanile sfonda il 50% e dove l’amministrazione cittadina, retta da tal Vitaliano Papillo, PD, ha deciso di spartirsi il business con la cooperativa Cspeong di Mileto.

C’è sempre un politico (quasi sempre del PD), e c’è sempre una cooperativa. Dovranno essere processati, come detto oggi da Salvini, questi fanatici affaristi dell’accoglienza.

Il sindaco ha sottratto ai giovani locali e messo a disposizione dei 17enni e 11 mesi una struttura comunale appositamente attrezzata. Dove potranno gozzovigliare tutto il giorno tra uno spaccio e uno stupro e ricevere lo stipendio quotidiano di 80€, paghetta esclusa. Come a Rovereto. Come in tutta Italia.

Una decisione presa con profonda convinzione da Vitaliano Papillo, ma senza chiedere ai cittadini cosa ne pensassero. La ‘ndrangheta invece avrà sicuramente avuto voce in capito, visto che sono le mafie in collaborazione con il governo italiano a gestire il flusso continuo di clandestini.

Calabria: una regione disastrata da amministratori incapaci e collusi con la criminalità organizzata.

fonte