sabato 20 settembre 2014

Fuggono “da guerra e fame”, ma sbarcano con smartphone e tablet



20 settembre – Martedì scorso sulla nave «Virginio Fasan», attraccata alle ore 8:00 sono sbarcati 837 migranti tra cui 140 bambini, otto donne incinte e tre bambini malati ma non in gravi condizioni. Sulla nave militare c’erano migranti di nazionalità eritrea, somala, siriana, palestinese, sudanese, ghanese, ivoriana, congolese, senegalese e della Costa d’Avorio” racconta Carmine Benincasa che stamane era presente sul posto e ha documentato tutto con foto e video per SalernoNotizie






A ritardare lo sbarco – continua Benincasa – è stato l’arresto di due scafisti nascosti tra i migranti. Si tratterebbe di due cittadini di nazionalità tunisina di 26 e 43 anni. A riconoscerli sono stati gli stessi migranti portati qua da loro che poi hanno confermato la loro versione grazie ad alcune fotografie fatte con gli smartphone che avevano.

Questo sembrerebbe essere stato uno sbarco d’élite rispetto ai cinque precedenti. Tutti avevano scarpe ed erano in ottime condizioni tanto da scattarsi selfie non appena attraccati al molo.

“Gli smartphone in mano ad alcuni migranti – spiegano Gianni Simioli e Francesco Emilio Borrelli della Radiazza – ci hanno lasciati perplessi. Erano già loro o glieli ha forniti lo Stato italiano? Ci auguriamo che questa tragedia non si trasformi in una speculazione sulla pelle di povera gente e sulla possibilità di lucro per le solite cricche”.

fonte