martedì 23 settembre 2014

Agrigento, false invalidità: centinaia di indagati, arrestati medici e funzionari Inps


Blitz della polizia di Agrigento contro un giro di false invalidità e un traffico di concessioni di permessi per invalidità.




Centinaia di indagati e una ventina di persone arrestate, tra cui diversi medici e funzionari Inps. È  il bilancio di un blitz della Polizia di Agrigento scattato questa mattina all’alba contro un giro di false invalidità civili e un traffico di concessioni di permessi per invalidità. I poliziotti hanno eseguito una ventina di ordinanze di custodia cautelare emesse nei confronti di altrettante persone dal gip del tribunale di Agrigento, Ottavio Mosti, su richiesta del procuratore Renato Di Natale, del procuratore aggiunto Ignazio Fonzo e del sostituto procuratore Andrea Maggioni. Destinatari dei provvedimenti restrittivi diverse persone ritenute legate alla compravendita di false invalidità attraverso certificazioni mediche fraudolente. L’operazione, denominata “la carica della 104″, infatti, avrebbe fatto luce su un traffico di concessioni di invalidità civili e di agevolazioni previste appunto con la legge 104.
Coinvolti medici e dipendenti Inps

La legge in questione un effetti prevede permessi retribuiti ai dipendenti con disabilità grave riconosciuta o che assistono familiari che ne sono affetti. Secondo quanto si è appreso, nel registro degli indagati della procura agrigentina sarebbero finiti anche diversi medici e dipendenti dell’Inps che si sarebbero prestati alle false dichiarazioni in cambio di denaro. I particolari dell’inchiesta ancora non sono stati resi noti, ma agli atti ci sarebbero intercettazioni e filmati che documenterebbero passaggi di denaro versato ai componenti delle speciali commissioni provinciali dell’Inps che rilasciavano le attestazioni di invalidità.

fonte